Atleta rinuncia ai Campionati mondiali di cross in Australia perché si rifiuta di volare per una scelta ecologica

Una giovane atleta britannica ha rifiutato l’opportunità di rappresentare il suo paese ai Campionati Mondiali di Atletica Cross Country del mese prossimo in Australia a causa delle sue preoccupazioni che un lungo viaggio in aereo avrebbe sull’ambiente.

Innes FitzGerald, la principale atleta di resistenza femminile junior britannica, ha scritto a UK Athletics per chiedere di non essere presa in considerazione per la squadra per i Campionati mondiali di corsa campestre a Bathurst, secondo quanto riportato da Athletics Weekly .

“In realtà, il viaggio mi riempie di profonda preoccupazione”, ha scritto all’organo di governo nazionale.

La 16enne del Devon si è classificata quarta nella gara femminile under 20 ai Campionati Europei Cross Country del mese scorso a Torino contro rivali molto più grandi di lei.

FitzGerald ha rivelato in seguito di aver viaggiato in Italia dalla sua casa di Exeter in treno a causa della sua riluttanza a volare.

Champions for Earth, un’organizzazione per atleti rispettosi dell’ambiente co-fondata dal campione olimpico britannico di slalom di canoa di Londra 2012 Etienne Stott, l’ha descritta come una “decisione tormentata “, quella di rifiutare un posto nella squadra all’evento del 18 febbraio.

“Avere l’opportunità di competere per la Gran Bretagna in Australia è un privilegio”, ha scritto FitzGerald nella sua lettera a UK Athletics.

“Quando ho iniziato a correre, la prospettiva di gareggiare ai Campionati Mondiali di Cross Country sarebbe sembrata solo un sogno.  “Tuttavia, la realtà del viaggio mi riempie di profonda preoccupazione.

“Avevo solo nove anni quando è stato firmato l’accordo COP21 sul clima di Parigi. Ora, otto anni dopo, le emissioni globali sono in costante aumento, portandoci sulla strada della catastrofe climatica.

“Invertirlo è possibile solo attraverso il cambiamento trasformativo dell’azione collettiva e personale.

“Non mi sentirei mai a mio agio a volare sapendo che le persone potrebbero perdere i propri mezzi di sussistenza, la casa e i propri cari.

“Il minimo che posso fare è esprimere la mia solidarietà a coloro che soffrono in prima linea per il collasso climatico.

“Prendere una decisione non è stato facile, per quanto poco paragonabile al dolore che proverei prendendo il volo”.

Durante il suo viaggio in Italia per i Campionati Europei di Cross Country, FitzGerald ha preso un pullman notturno per Lille prima di prendere un treno per Torino via Parigi.

La sua famiglia ha preso biciclette pieghevoli per percorrere i 20 minuti circa tra le stazioni per contenere i costi.

“La mia famiglia è attenta all’ambiente quanto me”, ha detto FitzGerald, secondo quanto riportato da Athletics Weekly .

“Viviamo in una casa passiva in una piccola azienda che coltiva frutta e verdura.

“Quindi, mio ​​padre era felice che non volassimo.

FitzGerald ha anche rifiutato l’opportunità di competere ai Campionati Europei Under 18 a Gerusalemme ma, ancora una volta, ha escluso di farlo a causa della preoccupazione per le emissioni di volo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.