Adriatica Ionica 2ª tappa: Tesfatsion conquista il Monte Grappa, Zana nuovo leader della classifica generale

La tappa regina della Corsa Adriatica Ionica, con arrivo sulle pendici del Monte Grappa, è stata vinta da Natnael Tesfatsion. Il 23enne eritreo della Drone Hopper-Androni Giocattoli ha sconfitto Filippo Zana e Vadim Pronskiy facendo registrare la sua prima vittoria in terra europea.

Potremmo tranquillamente etichettare la seconda tappa della Corsa Adriatica Ionica come la tappa regina della corsa. L’arrivo si trovava infatti sui fianchi del Monte Grappa, salita che conosciamo anche dal Giro d’Italia. La salita, detta anche Pieve del Grappa, era lunga complessivamente 28,3 chilometri con una media del 4,5%. Tuttavia, questo dà un’immagine piuttosto distorta. Nei primi otto chilometri le percentuali hanno continuato a oscillare intorno all’8%, seguito da tratti di oltre tre chilometri al 7,5% e uno di 3,7 chilometri al 6,2%.

Tesfation registra la prima vittoria in terra europea 
Zana, Covili, Pronskiy, Cepeda e Tesfatsion si sono rivelati avere le gambe più forti in arrampicata e sono andati all’ultimo chilometro con loro cinque. Tesfatsion è stato sulla carta il corridore più veloce di questo gruppo d’élite e anche l’eritreo è riuscito a essere all’altezza del suo status di favorito nell’ultimo chilometro. Il 23enne è stato il primo a raggiungere la vetta del Monte Grappa, ottenendo così una vittoria speciale. Tesfatsion ha avuto successo sul suolo africano negli ultimi anni, ma non ha mai vinto una gara in Europa. Fino ad oggi. Zana si è dovuto accontentare del secondo posto, Pronskiy terzo.

Filippo Zana ( Bardiani CSF Faizané), in virtù del secondo posto di ieri, è il nuovo leader della classifica generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.